Mobili Tirolesi: origine, caratteristiche e utilizzo

vangelista-DSC_0080-13

04 set Mobili Tirolesi: origine, caratteristiche e utilizzo

Tra i vari stili di mobili classici, uno tra i più ricercati e gettonati per i contesti abitativi di montagna – ma non solo – è senza dubbio lo stile tirolese. Caratteristiche principali dei mobili tirolesi sono l’innata eleganza e i colori caldi, che conferiscono immediatamente un senso di ospitalità e gradevolezza all’ambiente in cui sono collocati. Andiamo a scoprire lo stile da tirolese più da vicino.

Da dove proviene lo stile tirolese?

Questo stile di costruzione nasce e si sviluppa in tutta la parte settentrionale del Trentino Alto Adige, suddivisa in parecchie vallate. L’aspetto più interessante dei mobili in stile tirolese, oltre alle sfaccettature del legno, è la diversità dei decori a seconda della vallata da cui provengono; un mobile proveniente dalla Val Badia (per esempio questo armadio decorato) avrà decorazioni diverse rispetto a un armadio decorato tipico della Val di Fiemme e lo stesso discorso vale per tutte le vallate. Inoltre, più si va verso nord (ovvero in direzione del confine austriaco), più il mobile in stile tirolese si arricchisce di decorazioni e dettagli.

Storia e curiosità legate alle decorazioni dei mobili in stile Tirolese

I mobili Tirolesi si contraddistinguono per un uso molto frequente di motivi floreali, grazie alla grande presenza di praterie, vallate e fiori nel territorio; inevitabilmente, la moda dell’epoca portava gli ebanisti a realizzare mobili con soggetti quali vasi e mazzi di fiori, o comunque motivi che esaltassero le caratteristiche tipiche del paesaggio naturalistico trentino. In alternativa ai soggetti floreali, la scelta poteva anche ricadere sulla rappresentazione di scene quotidiane della vita contadina – come dimostra egregiamente questo esemplare di armadio in stile tirolese raffigurante le 4 stagioni.

E se volessi inserire dei mobili in stile tirolese a casa mia?

Innanzitutto, i mobili Tirolesi, come tutti i mobili in stile antico, sono adatti sia in arredamenti completamente antichi, per rispettare la coerenza con il resto dell’ambiente, sia in contesti contemporanei, in cui costituiscono un elemento di forte contrasto mantenendo, allo stesso tempo, l’eleganza che li contraddistingue. Detto ciò, i mobili tirolesi che vengono più spesso inseriti all’interno delle abitazioni sono gli armadi, da ingresso e da camera, in quanto sono il perfetto riassunto di bellezza e funzionalità dei mobili. In sala, invece, possiamo optare per un comò a cassettoni, tavolo e sedie e, ultima ma non meno importante, una credenza con piattaia.

Differenza tra mobile decorato tirolese d’antiquariato e riproduzione

La differenza è il sapore che dà il tempo. Il mobile riprodotto è realizzato adesso e la patinatura viene realizzata con terre naturali, mentre la patina del mobile d’antiquariato l’hanno sviluppata vari fattori tra cui il tempo, la luce del sole e la polvere. Il mobile originale si vede perché può essere un po’ scrostato e rovinato, anche a causa delle possibili incurie subite.

Come faccio a capire se la riproduzione del mobile tirolese è di buona qualità o meno?

Una riproduzione si può definire tale se si usano le stesse essenze, le stesse tonalità e se è eseguita da un’ottima manodopera. Se il decoro non rispecchia il mobile originale, non si può definire una riproduzione di buona qualità, per questo è essenziale che il decoro sia completamente conforme rispetto al modello originale. Per questo motivo, oltre che alla passione per i mobili d’epoca, uno dei princìpi cardine di Vangelista Mobili 1960 è la perfetta riproduzione dei mobili antichi, in modo tale da realizzare un prodotto di eccellente qualità, nel rispetto dei modelli originali, e soddisfare una clientela sempre più esigente.

Contattaci!

Se sei interessato a una riproduzione su misura di un mobile in stile tirolese, richiedere un preventivo o semplicemente ricevere informazioni, contattaci. Saremo lieti di rispondere a ogni tua richiesta.